La Napoli tragicomica di Totò

23
ott
2012
Share Button

Vedi Napoli e poi muori. Il riassunto della storia profonda di una città che continua a vivere tra le passioni di un passato senza paragoni e la miseria di una situazione sociale spesso difficile. Tutto questo agli occhi di un viaggiatore trasmette un grande senso di tragedia e grandezza per questa città, che è la capitale della scuola di teatro tragico, con una tradizione che parte addirittura dai greci, ma al tempo stesso è capitale di quello comico, con una tradizione che parte da Totò.

Il teatro può essere un buon modo di interpretare l’anima di Napoli, a partire proprio dalla storia di Totò, che è rimasto il principe inavvicinabile di un popolo unico al mondo.

Bisogna pensare infatti che fino agli anni 50 Napoli era relegata ad una situazione di secondo livello nel piano dell’intrattenimento da cui faticava ad uscire con il suo dialetto marcato; tutto questo con Totò è cambiato, ed ha portata alla ribalta la comicità e la tragedia amara del centro sud. Una vita ballerina, fatta di piccole gioie e dolori, trucchi e inganni, ma sempre tanta passione, tanto amore per ogni respiro. Portato con la maestria di tanti registi che hanno avuto l’occhio per vedere, Totò è rimasto l’inimitabile epitome dello scugnizzo napoletano.

Ancora oggi possiamo, semplicemente prenotando uno dei villaggi turistici ai margini della città, o magari un hotel in pieno centro, per addentrarsi dentro Napoli e dentro le sue gioie e i suoi dolori, con un senso di comicità anche nelle situazioni più difficili.

Share Button

There are no comments yet, add one below.

Leave a Comment


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Go to the top of the page